Saint Petersburg: 7 places you can’t miss

by Wednesday, May 2, 2018

Immersa tra sfarzosi palazzi barocchi dalle tenui tinte pastello e chiese neoclassiche, tra le vie di San Pietroburgo si respira un’aria tipicamente italiana anche a distanza di sei mila kilometri.

Ciò è dovuto all’intreccio culturale che ha legato i due passi sin dai primi anni del ‘700, quando il fondatore dell’ex Leningrado, Pietro il Grande, e il successore Caterina II affidarono la realizzazione della magnifica capitale ad artisti italiani.

Trezzini, Rastrelli, Rinaldi, Quarenghi e Rossi sono solo alcuni dei nomi italiani che contribuirono a costruire la cosiddetta “Venezia del Nord” ( la città fu fondata sul delta del Neva, dove il fiume sfocia nella baia omonima parte, del Golfo della Finlandia n.d.r.) introducendo nuovi stili, figli di un denso mix culturale quale il ” barocco russo” e radicandone uno nuovo nelle fondamenta della città: il neoclassico.

Ed è così che grazie all’interesse ed ammirazione dello zar nei confronti del panorama culturale europeo, mentre cammino per le ampie e smisurate strade della città, mi ritrovo catapultata indietro nel tempo, nell’ Età dei Lumi.

A San Pietroburgo tutto è tradizione; tutto è “tipico”, “antico”, “sfarzoso”, “eccessivo” o “eccessivamente semplice”; tutto è estremamente nuovo o estremamente démodé. La città stessa è di per sé un superlativo.

Ed è tra questo altalenare di eccessi che mi imbatto in 7 luoghi molto speciali, principali candidati ad ogni bucket list, tra musei, ristoranti e un po’ di shopping.

-EN-

Surrounded by sumptuous baroque buildings with soft pastel shades and neoclassical churches, walking the streets of Saint Petersburg you can breathe a typical Italian style even at 6 thousands kilometres away.

Due to the cultural intertwining that has linked the two lands since the early XVIII century, when the founder of the former Leningrad, Peter The Great, and the successor Catherine II entrusted many Italian artists to build the magnificent capital. Trezzini, Rastrelli, Rinaldi, Quarenghi and Rossi are just a few of the Italian artists that helped build the so-called “Venice of the North” ( the city was founded on the delta of Neva, where the river flows into the bay of the Finland Gulf) introducing new styles, born from a dense cultural mix such as the “Russian baroque” and rooting a new one in the foundations of the city: the neoclassical.

Thanks to the interest and admiration of the tsar towards the European cultural scene, as I walk through the wide and immense streets of the city I find myself catapulted back in time, in the Age of Enlightenment. Everything in St. Petersburg is “traditional”; everything is “typical”, “ancient”, “glitzy”, “excessive” or “excessively simple”; everything is extremely new or extremely démodé. The city itself represents a superlative.

And it is among this swing of excess that I come across 5 very special places, the main candidates for every bucket list, including museums, restaurants and a bit of shopping.

The 7 places you can’t miss:

1. Museo dell’ Hermitage

Primo tra tutti è proprio l’Hermitage, il museo dello splendore per eccellenza. Qui la sindrome di Stendhal colpisce tutti, nessuno escluso. Piú di 3 milioni di opere sono contenute all’interno dell’edificio tiffany intarsiato di oro e dei palazzi annessi. l’importanza di questo luogo mi basterebbe citare uno tra i tanti artisti presenti… come Leonardo Da Vinci ad esempio.

First stop is the Hermitage museum. Here Stendhal’s syndrome affects everyone: more than 3 million works are contained within the Tiffany and golden buildings. The area is immense and it’s humanly impossible to visit it all in one day. Leonardo Da Vinci is only one of the many important artists you will find.

2. Ristorante Mansarda

Uno dei miei posti preferiti in assoluto per mangiare a San Pietroburgo senza rinunciare ad una vista mozzafiato.. proprio di fronte alla Cattedrale di Sant’Isacco.

One of my absolute favourite places to eat… with a view. From the glass panelled windows you can admire St. Isaacs Cathedral while tasting Russian traditional food or an international meal. Food is superb and with sunsets the vivid scarlet light makes everything magic.

3. Passage

Non immenso come Galeria, il famoso centro commerciale, ma di sicuro parte della tradizione della città: costruito nel lontano 1840 e lungo ben 180 metri, rappresenta un centro commerciale unico nel suo tipo è simbolo della città… Speciale!

Not as big as Galeria (the popular shopping centre) but a real historical place in town: built in the 1840 and 180 metres long, it’s one of the city’s symbols… Unique!

4. I’m Thankful For Today

Perfetto per una colazione sostanziosa e deliziosa in pieno “american style”. Pancakes e Waffle sono i cavalli di battaglia ma chi ama osare adorerà la Green tea cheesecake and ice cream: una chesecake- scultura di tre piani sormontata da un cono gelato al rovescio… tanto buona quanto meravigliosa.

Perfect for a full “American style” breakfast. Pancakes and Waffles are their signature dish but those who love daring should definitely try the green tea cheesecake with ice cream: a three-tiered cheesecake sculpture with an ice-cream come on top… marvellous and delicious!

5. Chiesa Sul Sangue Versato

Una delle chiese più belle e rappresentative. La Chiesa del Salvatore è un trionfo di colori e affreschi; tanto elaborata esternamente quanto ricca internamente.

One of the most beautiful and representative churches. The Church On The Spilled Blood is a triumph of colors and frescoes.

6. Zabyl Sahar

Tradotto sarebbe il “paradiso dei dolci” ed è proprio questo ciò in cui ci si imbatte varcando la soglia di questo singolare bar: una nuvola spumeggiante pende dal centro del soffitto su di un tavolo circolare in mosaico madreperla. Le pareti carta da zucchero fanno da sfondo ad un’atmosfera celestiale e non sono da meno nemmeno i dolci esposti al bancone: maxi croissant, éclair dorate, cake pops e tantissime altre golosità.

Translated in ” Sweets paradise” , this is exactly what you come across in this unique bar: a cotton cloud hangs from the center of the ceiling on a circular table in white mosaic. The walls in baby blue wallpaper are the background to a heavenly atmosphere.

Thank you for reading.

With Love,

Chiara

2

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *